Ai nastri di partenza l’edizione numero diciassette di Marina Café Noir – Festival di letterature applicate, l’evento letterario più longevo della Sardegna che dal 2003 porta a Cagliari libri, incontri, reading, omaggi e laboratori con scrittori, giornalisti, attori, musicisti, antropologi, sociologi e artisti da tutto il mondo. 

Domani, martedì 18 giugno, appuntamento con una grande anteprima grazie alle parole e alla musica di Paolo Fresu, in uno scenario incantevole come il chiostro di San Domenico.

Il trombettista di Berchidda sarà protagonista, a partire dalle 20:30, di un doppio incontro ispirato al suo “Poesie jazz per cuori curiosi”, uscito per Rizzoli alla fine dello scorso anno. Un libro che è una preziosa raccolta di poesie e piccole prose in cui Fresu sperimenta il linguaggio della parola come strumento di creatività. Un percorso per associazioni di idee che esplora grandi domande sulla libertà e la vera funzione dell’arte, si sofferma su suggestioni nate dal quotidiano, riflette sulla diversità e l’accoglienza, si abbandona a voli della mente per tornare infine alle radici della patria Sardegna.

Paolo Fresu. Foto Lorenzo di Nozzi

Prima tappa di quest’anteprima la conversazione dal titolo “Melodie tessute”, condotto dalla giornalista Francesca Fradelloni. A seguire, nella migliore tradizione del Festival, un reading-concerto inedito, una produzione originale targata Marina Café Noir dal titolo “Cuori Jazz”, che porterà il pubblico dentro le parole e i suoni del libro. Ad accompagnare la tromba di Fresu sarà la voce di Pierpaolo Piludu, attore e regista del Cada Die Teatro, già autore insieme al musicista gallurese di una bellissima versione teatrale de “Sos Laribiancos” del compianto Cicito Masala.

Sarà questo il preludio alla diciassettesima edizione del MCN, in programma da giovedì 20 a sabato 22 giugno tra piazza San Domenico e piazza Garibaldi. Tra gli ospiti di quest’anno Michela Murgia, Alessandro Robecchi, Helena Janeczek, Wu Ming, Gary Younge, Juan Cardenas, Dan Chaon, Vinicio Marchioni, James Anderson, Evelina Santangelo, Neri Marcorè e molti altri.

Francesca Fradelloni. Foto alecani