Martedì 12 novembre alle 17:30 alla MEM Mediateca del Mediterraneo, presentazione della mostra itinerante WOMENS’ CREATIVITY SINCE THE MODERN MOVEMENT | MoMoWo.

Sarà l’architetto Teresa De Montis, presidente dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Cagliari, a coordinare l’evento di inaugurazione dell’allestimento cagliaritano della mostra. L’evento è inserito nel complesso della Rassegna “Racconti e Paesaggio” che la Soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio organizza a Cagliari e non solo.

Interverranno le curatrici della mostra, Emilia Garda e Caterina Franchini, docenti del Politecnico di Torino, che illustreranno l’idea alla base del complesso programma di studio sulle protagoniste femminili dell’architettura dal Movimento Moderno ai giorni nostri. La mostra comprende una lunga “linea del tempo” che associa eventi storici legati all’affermazione sociale, politica e culturale delle donne e la contemporanea progressione della loro produzione architettonica lungo un intero secolo, dal 1918 al 2018. La mostra fa parte di un più ampio progetto, beneficiario di un finanziamento della Comunità Europea, che ha permesso l’edizione di numerose pubblicazioni a far memoria dei risultati di ricerca raggiunti.

L’obiettivo generale di MoMoWo è quello di evidenziare i diversi contributi delle donne nelle professioni legate alla progettazione alle diverse scale, con lo scopo di promuoverne l’uguaglianza culturale e professionale. MoMoWo si concentra su opere contemporanee di donne europee nei settori dell’architettura, dell’ingegneria civile, dell’interior design, della progettazione del paesaggio e dell’urbanistica. Questi campi sono stati percepiti nel passato, e in alcuni casi ancora lo sono, come professioni declinate prevalentemente al maschile. La ricerca affronta questo tema, esponendo importanti lavori di progettiste ed evidenziando il valore che le donne hanno apportato al mondo del design: MoMoWo spera così di potenziare e rafforzare le generazioni future di donne creative, ritenendo questo un obbiettivo importante della nostra epoca.

Partecipa inoltre alla serata l’arch. Paola Riviezzo che illustra l’iniziativa svolta dall’Ordine degli Architetti denominata “Generatrici di Paesaggio”, che ha focalizzato l’attenzione su alcune figure di paesaggiste antiche e moderne ed ha dato esito ad una mostra attualmente ospitata presso l’Orto botanico di Cagliari.

L’arch. Emma Tagliacollo, membro del consiglio direttivo di DoCoMoMo, associazione che ha l’obbiettivo di studiare e documentare l’architettura del Movimento Moderno e più in generale del XX secolo, illustrerà la figura di Giuliana Genta, progettista romana, collaboratrice di Adalberto Libera ed attiva anche a Cagliari.

L’evento è stato possibile grazie alla collaborazione ed all’ospitalità della MEM Mediateca del Mediterraneo in cui resterà allestita la mostra fino a dicembre.

“Racconti e paesaggio” è una rassegna culturale di promozione della lettura entrata sul tema del paesaggio e realizzata con il supporto della Regione Autonoma della Sardegna, della Città di Cagliari, della Fondazione di Cagliari, della Sardegna Film Commission.