Una straordinaria opportunità rivolta agli studenti prossimi alla maturità degli Istituti di Alghero. Opportunità di studio, formazione, di esperienze lavorative o di volontariato all’estero. L’innovazione sociale guarda ai giovani come risorsa da valorizzare e sostenere, anche per la crescita del nostro territorio: e guardare al di fuori significa investire nel futuro. Alghero, con Focus Europe, Fondazione di Sardegna promuove il programma Erasmus tra gli studenti delle scuole superiori che si apprestano ad affrontare l’università.

Venerdì in un affollato incontro al Quarter il Sindaco Mario Bruno, con l’assessora all’istruzione Gabriella Esposito e con Graziano Milia, responsabile delle relazioni esterne della Fondazione Sardegna, ha partecipato alla presentazione del programma illustrato da Fabio Roccuzzo direttore associazione “Focus Europe”, Daniele Gizzi project manager associazione “Focus Europe” e Carlo Bitetto garagERASMUS.

“L’innovazione sociale – ha detto il Sindaco nel suo intervento – guarda ai giovani come risorsa da valorizzare e sostenere, anche per la crescita del nostro territorio: e guardare al di fuori significa investire nel futuro. Formarsi, imparare una lingua, fare tirocinio, sviluppare impresa, cooperare, condividere, diventare cittadini d’Europa e del mondo: questo significa far crescere la collettività e contribuire a migliorarla”.

Diversi istituti superiori cittadini presenti con alcune delle quinte classi, Scientifico, Tecnico Roth e Alberghiero, ai quali è stato illustrato il progetto che produce risultati concreti attraverso il rapporto con gli enti territoriali e l’utilizzo degli strumenti finanziari messi a disposizione dall’unione europea.

“L’obbiettivo dell’Amministrazione che in questi anni ha prodotto uno sforzo importante sulla scuola concentrando ingenti investimenti con il progetto Iscol@ su tutti gli istituti cittadini– ha aggiunto l’Assessora Gabriella Esposito – è quello di mettere in campo tutte le azioni e i progetti, le migliori opportunità, per partire dalla lotta alla dispersione scolastica fino ad arrivare a sostenere, come in questo caso, la cultura della mobilità europea attraverso l’utilizzo e la pratica del programma Erasmus+. Partiamo da scuole sicure e accoglienti, aperte alla comunità con attività extra scolastiche di formazione, culturali e ludiche”.

Alghero è partner entusiasta di questa sinergia, all’interno di una rete di conoscenze e di storie esemplari che portano tutte ad un traguardo fatto di crescita, di nuova occupazione, equità sociale e integrazione, dentro il quadro strategico dell’UE per l’istruzione e la formazione.