Prosegue l’attività di pulizia degli arenili predisposta dagli uffici del Settore Ambiente. Ieri gli interventi si sono concentrati nel tratto di litorale di Cuguttu, dove è stata letteralmente riportata alla luce la spiaggia per cani, a seguito di sollecitazioni giunte al Sindaco Mario Conoci rivolte al ripristino del decoro e della funzionalità di quel tratto di costa dedicato agli amici a quattro zampe. “Lavoriamo per dotare la città di un’altra area per i possessori dei cani – spiega il Sindaco – e abbiamo già individuato un luogo di balneazione a sud della città, che potrebbe essere individuata in una porzione della spiaggia sotto il ponte di Calabona”. I lavori di Cuguttu sono stati coordinati dall’Assessore all’Ambiente Andrea Montis e hanno riguardato la rimozione della posidonia spiaggiata, depositatasi con le ultime mareggiate e la pulizia dai rifiuti presenti in gran quantità. Diversi successivi passaggi con il puliscispiaggia hanno poi consentito di ottenere il risultato più consono alla destinazione per cui l’area è stata pensata.

L’Amministrazione ha tra gli obbiettivi del programma l’aumento e la cura degli spazi destinati agli animali, con la prospettiva di renderli sempre più decorosi e funzionali. Si confida tuttavia nella essenziale collaborazione da parte dei cittadini possessori dei cani affinché osservino le norme di comportamento per l’accesso e l’uso della spiaggia, che prevedono anche l’immediata rimozione delle deiezioni canine da parte dei proprietari o dei detentori, nonché delle altre norme di fruizione degli arenili.

“Stiamo facendo il possibile – spiega l’Assessore all’Ambiente – per correggere i gravi ritardi registrati nella gestione delle spiagge, apportando molti accorgimenti, i soli attuabili a stagione avviata, con la certezza che sin dai prossimi mesi predisporremo di concerto con gli operatori un piano di gestione delle spiagge che possa renderle pulite, fruibili ai disabili, agli sportivi, agli amanti dei cani e loro padroni e soprattutto sicure già dall’avvio della stagione”.