Salvamento a mare ad Alghero, dopo dieci anni torna il servizio pubblico. Il Comune di Alghero istituisce il servizio con due postazioni, una al Lido e una a Maria Pia. L’Amministrazione ha ottenuto dalla Regione un contributo di € 22.000 per le attività specifiche, affidate alla Aquatika@asd, che impegna quattro bagnini tutti i giorni nelle due postazioni.

Terminate le operazioni di completamento delle installazioni delle torrette, oggi si è svolto un sopralluogo del Sindaco Mario Conoci, con l’Assessore all’Ambiente Andrea Montis e l’Assessore al Demanio Giovanna Caria.

Le due postazioni sono state individuate secondo quanto suggerito dall’Ufficio Circondariale Marittimo di Alghero sulla base delle statistiche registrate nel corso degli anni relativamente agli specchi acquei maggiormente interessati da operazioni di assistenza e soccorso ma anche del maggior carico antropico. Il servizio dei bagnini viene garantito tutti i giorni dalle ore 08:30 alle ore 19:30.

“Un servizio essenziale per la città che intendiamo mettere a disposizione d’ora in poi ogni estate, con l’obbiettivo di rafforzare la presenza degli addetti al salvamento mettendo a disposizione, per il futuro, la loro preziosa attività anche in altre zone del litorale”, spiega il Sindaco Mario Conoci.

Un servizio che riparte ad Alghero che si aggiunge alle altre iniziative per migliorare i servizi, quali le aree da dedicare alla pratica sportiva, le aree di acceso agile per i disabili. L’Attivazione del salvamento a mare viene portata sugli arenili di Alghero dopo dieci anni, l’ultima presenza dei bagnini in spiagge libere risale infatti al 2010. Parte del finanziamento è stata quindi utilizzata per l’acquisto delle attrezzature da destinare stabilmente a questo scopo (torrette, pattini, salvagenti anulari etc).