In un’epoca digitale come quella in cui viviamo, dove la tecnologia ha cambiato il mondo, non poteva non esserci un giorno dedicato a celebrare l’importanza di internet e degli strumenti informatici.

Si celebra infatti proprio oggi, domenica 17 maggio 2020, il 51° Anniversario della Giornata mondiale delle telecomunicazioni e della società dell’informazione.

Questa ricorrenza è stata istituita dall’Unione internazionale per le telecomunicazioni (ITU), un’Agenzia delle Nazioni Unite specializzata proprio nell’ambito delle telecomunicazioni, che si occupa anche di assegnare lo spettro radio e delle orbite satellitari globali, e contribuisce a migliorare l’accesso alle tecnologie della comunicazione e dell’informazione in tutto il mondo. La scelta sulla data è ricaduta proprio sul 17 maggio in ricordo della firma della prima Convenzione internazionale del telegrafo, avvenuta a Parigi il 17 maggio del 1865, e della fondazione dell’Unione Internazionale delle telecomunicazioni.

Grazie allo sviluppo e all’utilizzo del web e delle tecnologie, scenari prima inimmaginabili sono diventati possibili. Per questo è fondamentale fare un uso corretto di questi strumenti che comportano enormi vantaggi, ma che possono avere anche degli svantaggi.

Al giorno d’oggi è infatti possibile trasmettere ogni tipo di informazione in tempi sempre più ridotti, scambiare messaggi in tempo reale, senza la necessità di contatti fisici, e sempre più soggetti hanno la possibilità di fare informazione e ricevere un numero infinito di dati, anche al di fuori dei canali ufficiali. Da ciò possono scaturire però anche possibili svantaggi, perché tutto questo può andare a discapito della qualità delle informazioni e dei rapporti umani, ormai sostituiti da quelli virtuali.

Con l’avvento poi dei social network le persone di tutto il mondo non sono mai state così tanto vicine, pure essendo magari molto lontane.

Anche il settore dell’economia ne ha beneficiato. Al giorno d’oggi gli acquisti che vengono effettuati attraverso i canali on-line rappresentano una grande fetta di mercato, per non parlare delle nuove fonti di guadagno rappresentate dal trading on-line e dalle criptovalute.

Ma mai come il 2020, pesantemente segnato dall’epidemia del coronavirus, internet si è rivelato un potente alleato e ha reso chiaro a tutti il suo enorme potenziale.

In questo lungo periodo di quarantena in cui il distanziamento sociale l’ha fatta da padrone, i rapporti umani sono stati portati avanti proprio grazie all’uso delle tecnologie informatiche. Senza messaggi, videochiamate e social network gli ultimi mesi sarebbero stati segnati da una profonda solitudine, soprattutto per gli anziani, lontani dai propri familiari. Chi non ha dovuto interrompere il proprio lavoro ha potuto continuare a svolgerlo da casa, in smart working, mentre bambini e ragazzi hanno potuto proseguire i loro studi effettuando le lezioni online e mantenendo un legame con compagni e insegnanti. Senza dimenticare, poi, come i controlli alla mobilità sociale e i contingentamenti, atti ad evitare situazioni di assembramento e una ripresa dei contagi, stanno diventando possibili grazie anche all’ausilio di potenti software e applicazioni per dispositivi mobili.

L’obiettivo di questa giornata è proprio quello di sottolineare il contributo che internet e le tecnologie dell’informazione e della comunicazione apportano, e stanno apportando sempre di più, alla nostra società, all’economia e ai rapporti umani. Ma questa giornata ha anche un altro scopo importante, quello di cercare di ridurre il divario digitale (digital divide) soprattutto nei ceti meno abbienti e nei Paesi in via di sviluppo, in modo da riuscire a vincere la sfida contro un mondo ancora a due velocità.