La Pasta Cellino Cagliari Dinamo Academy batte la Virtus Roma con il punteggio di 82-65, tra le mura amiche del PalaPirastu, nel recupero della nona giornata di andata della Serie A2 di basket. Dopo una gara in cui le due squadre sono rimaste abbastanza vicine, la formazione di coach Paolini ha trovato la fuga giusta tra la fine del terzo quarto e l’avvio dell’ultimo, trascinata, in particolare, da Rullo, Keene e Turel.

Nel primo quarto Cagliari provava subito ad andare via: dopo un iniziale botta e risposta, capitan Bucarelli e compagni infilavano un break di 9-0 che, a 6’50” dalla prima sirena, li portava sul 12-6. La risposta dei capitolini era immediata e iniziava un punto a punto. A 4’ dalla fine del primo quarto, il tabellone diceva 14-14. Sul finire della frazione era la Virtus a trovare un parziale di 5-0 che valeva il 23-18 ospite, ma Keene chiudeva con una tripla, per il 21-23 di fine periodo.

Nel secondo quarto la Pasta Cellino impattava subito, poi ritornava avanti con un canestro di Keene, ma era poi Ebeling a firmare un nuovo break e portare i rossoblù sul 31-25, a 7’35” dall’intervallo. Un controbreak tutto di Benetti ridava a Roma il -1 e le due squadre proseguivano a braccetto, fino al 34-34 segnato da Maresca a circa 3’ dalla fine del periodo e, poi, al 39-38 dell’intervallo.

Ancora grande equilibrio nella prima parte della terza frazione e alternanza nei vantaggi. La situazione si sbloccava negli ultimi 3’, grazie ad un parziale rossoblù di 7-0, che portava i cagliaritani sul 55-52 a 2’21” dalla terza sirena. Rullo era poi il mattatore dell’ultimo minuto e, con 8 punti personali, faceva chiudere il quarto ai suoi sul 65-56.

Stephens apriva le danze nell’ultimo quarto, poi saliva in cattedra Turel, mentre la Virtus non trovava la via del canestro per altri 2′. A 8’26” dalla fine, la Cagliari Dinamo Academy volava sul +15, 71-56. Roma si sbloccava con Thomas, ma ripiombava nell’oblio. La Pasta Cellino ringraziava ed arrivava fino al +18, con una tripla di Keene a metà frazione. La gara era virtualmente chiusa.