Non sorride il GSD Key Estate Porto Torres nella seconda giornata di andata della Serie A di basket in carrozzina. La squadra allenata da coach Salvatore Cherchi è uscita sconfitta dal campo della Polisportiva Nordest Castelvecchio con il punteggio di 56-86.

Parte forte la Polisportiva Nordest Castelvecchio e si porta avanti 9-2 quando mancano 6’20” dalla fine del primo quarto. La Key Estate solleva la testa e, con Gharibloo e Falchi, torna a contatto dei padroni di casa, sull’11-13 a circa 4’ dalla sirena. Timeout per i friuliani che, trainati da Rekanovic, al rientro in campo, producono un nuovo allungo che li porta fino al 27-15. Sulla prima sirena il punteggio è, poi, 28-17 per Gradisca.

Il secondo periodo si apre con il terzo fallo fischiato a Falchi e con la Polisportiva Nordest Castelvecchio che raggiunge il massimo vantaggio sul +15 in un paio di occasioni. Gharibloo si carica la squadra sarda sulle spalle e per il GSD inizia un nuovo recupero. A poco meno di 2’ dall’intervallo, i turritani sono sul -8 (31-39) e si va poi alla pausa lunga sul 42-33 per i padroni di casa.

Subito Gharibloo a canestro nel terzo periodo, poi il GSD perde Falchi per cinque falli. La Polisportiva Nordest piazza un parziale di 6-0 e si porta sul 53-37. Puggioni riduce le distanze con una tripla e va poi a segno Gharibloo. A poco meno di metà frazione il tabellone dice 53-42 per i friulani. Nella seconda metà del quarto Gradisca dilata il vantaggio fino al 65-47 della sirena.

Gara compromessa per il GSD e la Polisportiva Nordest Castelvecchio chiude in crescendo.

 

I TABELLINI

POLISPORTIVA NORDEST CASTELVECCHIO – Gracner 10, Ambrosetti 16, Fabris 6, Giro 6, Slapnicar 26, Rekanovic 18, Kuduzovic 4. All. Cricco

GSD KEY ESTATE PORTO TORRES – Nylander, Bucinskas 2, Gharibloo 35, Puggioni 6, Canu 4, Ion 2, Falchi 7. All. Cherchi

 

LE DICHIARAZIONI POST-PARTITA DELL’ALLENATORE DEL GSD, SALVATORE CHERCHI

“Ci hanno massacrato, dall’inizio alla fine. Avremmo potuto contenere il passivo, ma non ce l’abbiamo fatta, abbiamo avuto da presto grossi problemi di falli. All’inizio del terzo quarto Falchi ha fatto il quarto fallo e, contestualmente, il quinto per un tecnico, ed eravamo rientrati sul -9, poi è stato fischiato un altro tecnico alla nostra panchina. Non voglio trovare nessun alibi, però la gara è stata condizionata pesantemente dall’arbitraggio, non lasciavano giocare. Dispiace, ma voltiamo pagina”.