Il Sardinia Grand Slam – IKA Kite Foil World Championship Final è pronto a partire. Da domani, mercoledì 4, sino a domenica 8 ottobre, 60 talenti provenienti da tutto 15 diversi si daranno battaglia al Poetto, all’altezza della 6^ Fermata, nello specchio di mare davanti allo Stabilimento dell’Esercito, per mettere in mostra le proprie capacità di domare onde e vento. E, sotto l’occhio vigile dei giudici di gara, cercare di conquistare il titolo di Campione del Mondo della “formula 1” del kiteboard e il montepremi complessivo di 20mila euro. Numerose le stelle del firmamento sportivo che metteranno una volta di più Cagliari al centro della scena mediatica internazionale.

Ne è sicuro l’assessore comunale allo Sport Yuri Marcialis, esponente della Giunta Zedda, tra i principali artefici dell’assegnazione a Cagliari del titolo di Capitale Europea dello Sport 2017.“Il Comune sta puntando tantissimo sullo sport all’aria aperta, compresi quelli che si svolgono in mare, per promuovere la città. E un evento come quello che questa settimana, per cinque giorni, sarà ospitato al Poetto – ha spiegato – avrà un riscontro mediatico certamente importante, che porterà Cagliari e tutta la Sardegna in giro per il mondo. Ma che avrà anche un ritorno in termini economici, ben superiore agli investimenti messi in campo per la sua realizzazione”. Non trascurabile neanche il ruolo, di primo livello, dello sport nell’ambito delle iniziative volte alla destagionalizzazione della stagione turistica.

Insomma, una sfida nella sfida che vede impegnati in prima linea la GLEspor asd e lo Yachting Club Cagliari. Ma anche il Comune di Cagliari e dell’Assessorato al Turismo della Regione che stamattina, nella sede al civico 106 di viale Trieste, ha ospitato la presentazione dell’evento ai giornalisti. A fare gli onori di casa l’assessora Barbara Argiolas secondo cui “gli sport velici hanno la capacità di esaltare quelle che sono le peculiarità ambientali della Sardegna e le sue potenzialità turistiche. Ma anche dare slancio allo sviluppo economico”. Come il ritorno di Luna Rossa.

A rafforzare la sinergia fra il mondo dello sport e le istituzioni anche l’Esercito Italiano che per voce del generale Giovanni Domenico Pintus, comandante del Comando Militare Autonomo Sardegna, ha esaltato i valori dello sport e la necessità di difenderli e diffonderli.

 

Maggiori informazioni sulla pagina Facebook