Importante vittoria per la Hertz Cagliari Dinamo Academy nella Serie A2 di basket. La squadra di coach Alessandro Iacozza ha espugnato il campo della Baltur Cento col punteggio di 82-81, nella gara valevole per il ventunesimo turno del campionato cadetto. Capitan Bucarelli e compagni, che nel match di andata avevano ceduto per 76-87, non sono riusciti a ribaltare la differenza canestri.

I padroni di casa centesi uscivano meglio dai blocchi, con un 7-0. La Hertz si riprendeva subito e rispondeva con la coppia Johnson-Miles, tornando ad un soffio dalla Baltur (8-9 a poco meno di metà frazione). Un altro piccolo strappo di Cento, propiziato da Gasparin, veniva parzialmente ricucito dai rossoblù, poi il quarto terminava sul 26-20 centese.

Prima metà del secondo periodo tutta di marca Baltur, che trovava in Kuksiks una mano caldissima dalla lunga distanza. A 6’27” dall’intervallo, il tabellone diceva 39-25 per Cento. Bucarelli, Johnson e Rullo reagivano e riavvicinavano gli ospiti, ma la squadra di casa proseguiva la propria corsa. Si andava negli spogliatoi sul 53-42.

Al rientro sul parquet l’Academy premeva forte sull’acceleratore, decisa a recuperare il passivo. Johnson e Rullo inanellavano un parziale di 8-0 che riportava subito il match praticamente in equilibrio (53-50). La Baltur provava a “tenere”, ma Cagliari riusciva a mettere la freccia, per la prima volta nella partita, con Miles a 1’51” dalla terza sirena, sul 60-59. Si andava poi agli ultimi 10’ sul 63-62 ospite.

Fase di stasi nei primi minuti dell’ultima frazione, poi le due squadre davano vita ad un breve botta e risposta, prima che l’ex Hertz, Michele Ebeling, provasse a indirizzare il suo team verso la vittoria, con 5 punti consecutivi che davano a Cento il 71-65 a 5’40” dalla fine. Ma non aveva fatto i conti con Bucarelli e Rullo, che riportavano immediatamente la gara in parità, sul 71-71. Ancora loro due, insieme a Miles, sembrava poi avessero costruito il break decisivo, portando i propri colori sull’80-75 a 24” dall’ultima sirena. Cento, però, si dimostrava freddissima dalla lunga distanza, prima con Moreno e poi col solito Kuksiks, nella ricerca del punto a punto. Brividi a 10” dalla fine, con la Hertz che perdeva palla e dava la possibilità alla Baltur di mettere a segno il canestro della vittoria. Ma Kuksiks, stavolta, falliva il tiro dai 6,75.