Ci sono anche eccellenze sarde del comparto caseario tra le nomination del premio organizzato da “Guru del Gusto” con la collaborazione di Alberto Marcomini e riservato ai migliori formaggi nazionali prodotti con 100% latte italiano. Appuntamento per l’elezione il 13 Ottobre a partire dalle 18 al Centro Congressi di “FICO – Eataly World Bologna” dove una Commissione di esperti sarà chiamata a decretare i “best cheese” di 10 specifiche categorie e ad attribuire 6 premi speciali. A chiusura spazio alla degustazione di tutti i 31 prodotti finalisti.

 

Sono partiti in oltre 1000 per arrivare in 31: tempo di decretare i vincitori della quarta edizione di “Italian Cheese Awards”, il premio dedicato alle eccellenze della produzione tricolore di formaggi realizzati con latte 100% italiano, organizzata dal 2012 da “Guru del Gusto” – società impegnata nella promozione del settore lattiero-caseario attraverso iniziative, incontri e appuntamenti tematici nazionali (“Made in Malga”, “Formaggi In Villa”, “Luxury Cheese”) – con la collaborazione del consulente per la promozione e valorizzazione dell’universo cheese Alberto Marcomini (primo italiano a ricevere negli anni ’90 il prestigioso titolo francese di “Maître Fromager”, passato da selezionatore, affinatore e talent-scout di grandi formaggi, oggi anche giornalista TV) .

Il “numero 1” di ciascuna delle 10 categorie in cui si articola il Premio (“Freschissimo”, “Fresco”, “Pasta molle”, “Pasta filata”, “Pasta filata stagionata”, “Semistagionato”; “Stagionato”, “Stagionato oltre i 24 mesi”, “Erborinato” e “Aromatizzato”) sarà proclamato a Bologna il 13 Ottobre, dalle ore 18, nel Centro Congressi di “FICO – Eataly World Bologna”, nel corso di una serata-evento che riproduce per format il celebre Oscar cinematografico.

Abbiamo scelto FICO Bologna per la finale – spiega Luca Olivan, responsabile della direzione artistica, gestione eventi e rapporti con gli sponsor di Guru del Gusto, – perchè, proprio come il nostro Award, è un progetto ambizioso che vuole mettere la lente su quanto caratterizza la nostra italianità: FICO è uno “show” dove il cibo è qualcosa di più di un elemento nutrizionale, è il centro di una iniziativa culturale, il contesto e l’ habitat naturale per Italian Cheese Awards”.

 

Sedici le Statuette in ottone evocative di un umanoide con braccia alzate a sostenere una forma di formaggio che saranno complessivamente consegnate tra 10 “Awards” e ulteriori 6 Premi speciali: “Premio al miglior derivato del latte”, “Premio al miglior formaggio di montagna”, “Formaggio dell’anno”, “Premio alla carriera”, Premio “Donne del latte” e “Cheese Bar dell’anno”.

“Siamo molto soddisfatti di questa edizione – prosegue Olivan – che ha contato su un’ampia adesione degli addetti ai lavori, conferma tangibile del valore che le viene attribuito”. Valore che traspare anche dalla serietà delle modalità di selezione dei prodotti. “Il percorso che porta ai vincitori finali è articolato in 3 momenti affidati ad altrettante commissioni tutte presiedute da Alberto Marcomini”.

Alle “nomination” dei formaggi finalisti per ciascuna delle dieci categorie che si contenderanno la Statuetta si è arrivati ad Aprile nel corso della kermesse “Formaggio in Villa” (rassegna di formaggi italiani nazionali svoltasi a Villa Farsetti, Santa Maria di Sala – Venezia) dove un ruolo attivo lo ha giocato anche il pubblico chiamato ad assaggiare i formaggi in competizione ed esprimere il proprio giudizio. Il suo voto si è addizionato a quello di una giuria tecnica.

“Sarà proprio una terza commissione di specialisti capitanata da Marcomini che il 13 ottobre, dopo una fase di assaggio seguito dall’espressione del voto segreta, definirà i numeri 1. Ogni categoria è usualmente composta da 3 finalisti ma, per questa edizione, la sessione “Pasta filata stagionata” ne conta 4 per un ex equo. Il compito della giuria sarà particolarmente arduo”.

A chiusura della premiazione tutti i 31 formaggi finalisti saranno gli interpreti di una degustazione ad alto tasso di latte, caglio e sale aperta al pubblico.

La partecipazione alla serata è gratuita ma è richiesta l’iscrizione.

 

I finalisti: Veneto e Sardegna in prima linea ma diversi exploit

A fare la parte del leone ad “Italian Cheese Awards 2018” per formaggi inviati (al massimo tre per ogni azienda/caseificio) sono stati i produttori veneti, lombardi, emiliani, piemontesi, pugliesi e sardi. Una tendenza già evidenziatasi nel 2017 quando a salire sul podio per ricevere gli Awards furono 3 produttori pugliesi, 3 lombardi e 4 veneti.

I finalisti della quarta edizione del Premio rispettano la geografia dello scorso anno con qualche outsider come Molise (2 formaggi in finale), Basilicata (1), Friuli Venezia Giulia (1) e Alto Adige (1). Ad essere in nomination per il 2018 e a contendersi la Statuetta sono 6 formaggi Veneti, 4 sardi, 3 caci “made in” Emilia Romagna e in Lazio, 2 campani, 2 pugliesi, 2 lombardi, 2 piemontesi e 2 toscani.

“In ottica 2019 – anticipa Olivan – guardiamo con attenzione alla Campania, regione che sta crescendo dal punto di vista caseario e gastronomico in modo esponenziale. Molti sono i giovani che diventati casari sono portabandiera di antiche tradizioni, a volte in modo creativo”.

 

I 4 formaggi sardi in finale

Caciotta Sa Cabreria di “Sa Craberia – Az. Brau Antonangelo” (cat. Fresco): Formaggio tenero, morbido, dalla forma rotonda. Pasta fine elastica, colore bianco giallognolo e con un gusto leggero, delicato e molto gradevole. La Caciotta “Sa Cabreria” è il frutto della trasformazione del latte di un unico allevamento selezionato e con una lavorazione tipicamente artigianale.

Re Marmo di “Zanda” (cat. Stagionato): Il Re Marmo è un pecorino a pasta semicotta di color giallo paglierino con la forma tipica del formaggio prodotto con cestino in vimini. Ha gusto ricco ma delicato e aroma coinvolgente. Di stagionatura minima 6 mesi, al taglio tende a ridursi a scaglie dal sapore avvolgente e vellutato.

Fiore Sardo Dop di “Debbene – Salvatore Busso” (cat. Stagionato oltre 24 mesi): Formaggio stagionato a pasta dura friabile che nasce da latte ovino crudo biologico di pecore di razza sarda allevate allo stato brado, il cacio si definisce per il gusto deciso, piccante con note di frutta secca e piante officinali. Formaggio biologico trattato in crosta solo con olio ha gusto leggermente affumicato ottenuto solo con legni locali. La stagionatura avviene in cantine naturali.

Chevri Blu di “Argiolas” (cat. Erborinato): Chevri Blu ha pasta di colore bianco – grazie al latte di capra – al naso riporta sensazioni di burro e fungo, con una leggera nota animale, e in bocca la pasta è di elevata solubilità. La muffa è perfettamente integrata nella pasta, del tutto priva di sensazioni amare. Al palato svela note di sottobosco mentre il gusto è piccante e delicato allo stesso tempo.

 

Le nomination 

1 – CATEGORIA FRESCHISSIMO
Annutolo La Tenuta Bianca Campania
Mascarpone Caseificio Valsamoggia Emilia Romagna
Stracchino Castellan Urbano Veneto
2 – CATEGORIA FRESCO
Caciotta Sa Craberia Sa Craberia – Az. Brau Antonangelo Sardegna
Caprino Nobile Az. Agr. Monte Jugo Lazio
Pecorino di Amatrice Caseificio Storico Amatrice  Lazio
3 – CATEGORIA PASTA MOLLE 
Arunda Englhorn Alto Adige
Morlacco Toniolo Casearia Veneto
Stracchino all’antica Az. Agr. Locatelli Guglielmo e C. Lombardia
4 – CATEGORIA PASTA FILATA
Burrata Artigiana Puglia
Mozzarella di bufala campana DOP Il Casolare Campania
Stracciatella inMasseria Puglia
5 – CATEGORIA PASTA FILATA STAGIONATA
Caciocavallo di Agnone Di Nucci Molise
Caciocavallo Silano piccante Posticchia Sabelli Basilicata
Caciomolisano Fattorie del Molise – Del Giudice Molise
6 – CATEGORIA SEMISTAGIONATO
Antani De Magi Toscana
Asiago Dop Prodotto della Monrtagna – Grün Alpe Caseificio Pennar Veneto
Gorzano Caseificio Storico Amatrice Lazio
7 – CATEGORIA STAGIONATO
Castelmagno DOP La Meiro Terre di Castelmagno Piemonte
Re Marmo Zanda Sardegna
Piave DOP Vecchio Selezione Oro Lattebusche Veneto
Riserva del Fondatore Il Fiorino Toscana
1 formaggio ex equo
8 – CATEGORIA STAGIONATO OLTRE 24 MESI
Fiore Sardo Dop Debbene – Salvatore Busso  Sardegna
Formaggio Vacche Rosse Razza Reggiana Dicembre ’15 I Sapori delle Vacche Rosse Emilia Romagna
Parmigiano Reggiano 36 mesi Gennari Emilia Romagna
9 – CATEGORIA AROMATIZZATO
Blugins La Casearia Carpenedo Veneto
Capra al Traminer Latteria Perenzin Veneto
Formadi Frant Rugo Sante Friuli Venezia Giulia
10 – CATEGORIA ERBORINATO
Chevriblu Argiolas Sardegna
Gorgonzola DOP Dolce Extra Luigi Guffanti 1876 Piemonte
Strachitunt Latteria Soc. di Branzi / Az. Agr. Locatelli Lombardia