Per sottrarsi al rischio di trasmissione del virus, le autorità sanitarie prescrivono di evitare le punture di zanzare (l’insetto vettore) sia attraverso l’utilizzo di repellenti cutanei, sia utilizzando all’aperto e dal crepuscolo in poi capi d’abbigliamento di colore chiaro e che coprano la maggior parte del corpo, alloggiando in stanze con l’aria condizionata o dove le porte e le finestre sono dotate di zanzariere. Infine, se le zanzare dovessero essere presenti in ambienti interni, si può utilizzare spray a base di piretro o altri insetticidi per uso domestico o ancora i diffusori di insetticida elettronici, ricordando di areare adeguatamente i locali prima di soggiornavi.

Inoltre, i focolai più comuni sono di vario tipo, quali acquitrini, bacini perenni, cisterne e depuratori, solo per fare alcuni esempi. Per evitare il propagarsi dell’insetto vettore (la zanzare Culex pipiens), va operata una corretta gestione del territorio con azioni di risanamento ambientale volta a eliminare i siti in cui le zanzare si riproducono e ridurne la densità, sia in aree pubbliche che private.