Le storie di fantasmi non ti fanno paura ma, addirittura, ti intrigano? Allora mettiti comodo perché pare che presenze inquietanti e sinistre abitino in manieri, castelli e in antiche ville, proprio qui in Sardegna. Sono numerose, infatti, le storie di fantasmi che popolano il folclore sardo e prendono origine da fatti realmente accaduti che si mischiano a leggende popolari vecchie di secoli. Non so se visitando questi siti avrete un’esperienza paranormale ma, di sicuro, potrete scoprire luoghi affascinanti e ricchi di storia.

Il Castello di Medusa è da sempre al centro di leggende che lo vogliono popolato di spiriti maligni, forse per l’aspetto poco rassicurante delle sue rovine. Si trova tra Samugheo e Asuni, nell’oristanese. La leggenda narra di Medusa che, salita al trono di Sardegna, viene sconfitta da Perseo che, dopo averla decapitata, riparte per la Grecia con la sua testa. Forse questa storia va a sovrapporsi con la famosa vicenda della Gorgone, narrata dalla mitologia greca. Ciò che è certo è che, secondo la leggenda, lo spirito di Medusa infesterebbe ancora il luogo a protezione del tesoro appartenuto alla regina.

Il Maniero di Casteldoria svetta sulla pianura del Coghinas. Si trova vicino a Santa Maria Coghinas, in provincia di Sassari. Dell’antico castello, oggi rimane solo un’imponente torre che custodirebbe il prezioso tesoro della famiglia Doria. La leggenda narra di una strega che si innamorò del signore del castello, l’Ammiraglio Andrea Doria. La strega, non riuscendo a conquistare il suo amore nemmeno con le più potenti pozioni, gli rivelò che sarebbe morto quando un verde esercito avrebbe assediato il castello. In primavera la strega trasformò l’erba della valle in cavalieri e l’ammiraglio, che a quella vista ricordò la profezia, si gettò da una delle torri del castello. Secondo la leggenda quell’esercito fantasma presidia ancora il maniero a difesa del ricco tesoro.

Il Castello dei Malaspina si trova nel suggestivo borgo di Bosa. Costruito nel 1112, il castello è famoso per essere un esempio di architettura civile e militare del medioevo sardo e per essere… infestato dai fantasmi. La leggenda racconta che il Marchese Malaspina, accecato dalla gelosia e convinto di essere stato tradito, tagliò le dita delle mani alla sua bella moglie ed uscì lasciando la Marchesa a dissanguarsi sul pavimento. Successivamente, il Marchese venne messo agli arresti per l’atrocità compiuta mentre, si dice, che lo spirito della povera donna vaghi ancora tra le mura del castello, incapace di trovare pace.

L’Ex-Lazzaretto di Cagliari è stato costruito nel XVII secolo. Costruito nel 1600 per ospitare i malati di peste diventa ospedale nel 1720. Oggi vi si svolgono eventi culturali. Questo luogo pieno di storia nasconde un terrificante segreto. Infatti, secondo i racconti popolari, la struttura sarebbe la dimora di un’anima errante. Pare che ci siano testimonianze di persone che hanno visto lo spirito di un bambino dispettoso giocare a prendere a calci un teschio, accendere e spegnere le luci e suonare degli strumenti musicali che facevano parte dell’allestimento di una mostra.

Sul Castello di Quirra si raccontano molte storie, ma la più misteriosa rimane quella che ha come protagonista Donna Violante Carroz, Contessa del castello di Quirra. Il castello si trova a pochi chilometri da Villaputzu e fu costruito nel XII secolo. Dell’antica costruzione, ora rimangono solo dei ruderi raggiungibili per via di una ripida salita. A Donna Violante, vissuta tra il 1450 ed il 1500, viene affibbiato dalle cronache l’appellativo di “sanguinaria” e viene descritta come un’avida assassina. Infatti, pare che abbia fatto impiccare l’allora parroco di Quirra solo perché contrario alla sua clandestina relazione amorosa. Secondo la leggenda morì gettandosi nel vuoto dal punto più alto del castello. Si dice che molti abbiano udito i lamenti dello spirito della donna che vaga ancora per le rovine della fortezza.