Mercoledì 8 agosto alle ore 19, lo sceneggiatore e curatore di Zagor, Moreno Burattini, sarà ospite della Libreria Azuni per raccontare non solo della sua esperienza di autore bonelliano di lungo corso su una delle ammiraglie della Sergio Bonelli Editore, ma anche quella di scrittore umoristico, di osservatore caustico della nostra quotidianità e contemporaneità.

Moreno Burattini, infatti, si districa con grande disinvoltura fra le avventure e atmosfere dello Spirito con la scure e le spigolature, battute, facezie e arguzie corrosive (ma anche poetiche) che ha affidato finora a una serie di divertenti antologie: “Utili sputi di riflessione”, “Sarò bre. Messaggi in bottiglia”, “Facezie. Tra il serio e il faceto, preferisco il faceto”.

L’evento è organizzato in collaborazione con il Rendez-Vous degli amici di Zagor e l’Associazione amici zagoriani.

MORENO BURATTINI
Sceneggiatore di fumetti, scrittore, critico specializzato, curatore di mostre, libraio e collezionista di comics e autore teatrale, Moreno Burattini nasce il 7 settembre 1962 a San Marcello Pistoiese, ma si trasferisce giovanissimo a Firenze. Da sempre appassionato di fumetti, oggetto anche della sua tesi di laurea, dà vita nel 1985 la fanzine Collezionare che nei suoi sette anni di attività ha cresciuto una piccola scuola di critici e di fumettisti: è su quelle pagine che crea il suo primo personaggio, Battista il Collezionista. Nel 1992 è tra i fondatori della prozine Dime Press, dedicata ai temi bonelliani. Moreno Burattini ha contribuito con i suoi articoli alle più importanti riviste specializzate e ha pubblicato vari libri di critica fumettistica e numerosi saggi, interventi e prefazioni su saggi e volumi. Ha organizzato numerose mostre in svariate sedi. Alla sua attività di critico e sceneggiatore va aggiunta quella di conferenziere sul linguaggio e sulla storia del fumetto e insegnante di sceneggiatura in corsi e lezioni tenuti in tutta Italia. La sua attività di sceneggiatore professionista ha inizio nel 1990 sulle pagine della rivista Mostri (Acme), dove compare una miniserie di racconti di ambientazione medievale disegnati da Stefano Andreucci. Seguono poi numerose sceneggiature per Intrepido, Il giornale dei Musteri, Cattivik e Lupo Alberto, personaggio per cui scrive tre serie di successo: “Le maialate di Enrico La Talpa”, “McKenzie Memories” e Vite da Talpe. Il suo esordio sotto il marchio Bonelli è datato maggio 1991, quando escono contemporaneamente il suo primo special di Cico (“Cico Trapper”) e la sua prima storia di Zagor (“Pericolo Mortale”). Si inaugura così una nutrita serie di storie e di speciali zagoriani a sua firma che da allora proseguono a essere scritte e pubblicate ininterrottamente. Dal 2001 Burattini è anche assistente di redazione e lavora presso la Casa editrice. Sempre per la Bonelli, Burattini ha scritto anche storie del Comandante Mark. Nel 1995 gli sono stati attribuiti due premi prestigiosi: il Premio ANAFI come miglior soggettista e il Premio FUMO DI CHINA come miglior autore umoristico. Durante l’edizione 2003 di Lucca Comics si aggiudica il prestigioso Gran Guinigi, e datato marzo 2006 è il premio Cartoomics-If, entrambi come miglior sceneggiatore.